Aprire un Blog. Come Fare

aprire-blog-come-fare

Quando decisi di aprire un blog, la prima domanda che mi venne in mente è “come fare?“. Come si apre un blog?

Oggi la risposta a questa domanda è per me semplicissima. Ma all’epoca non era affatto scontato. Dovevo scegliere la piattaforma su cui allestire il blog ed imparare ad utilizzarla.

Ricordo ancora che decisi di utilizzare Blogspot, di proprietà di Google, perché lessi su internet che era la più facile ed immediata da apprendere.

Oggi Blogger (o Blogspot) risulta essere ancora la miglior piattaforma per aprire un blog? A mio avviso no. Oggi è WordPress.

Perché? Perché è SEMPLICE da capire e da utilizzare. E adesso ti spiegherò come fare ad aprire un blog tutto tuo.

Come Fare ad Aprire un Blog con WordPress

Aprire un Blog con WordPress è semplicissimo. Ma prima dobbiamo decidere una cosa. Vogliamo creare un blog gratis oppure preferiamo una soluzione un po’ più professionale? Proverò a fare chiarezza e a guidarti nella scelta.

come-fare-ad-aprire-un-blog-wordpress

WordPress è probabilmente la migliore piattaforma per aprire un blog

Aprire un Blog Gratis

Per aprire un blog gratis ci sono diverse soluzioni. Le tre migliori sono Blogger, WordPress e Altervista.

Come ti ho detto, WordPress è migliore di molto rispetto a Blogger. Hai più possibilità di personalizzazione. Quindi direi di scartare quest’ultimo.

Possiamo quindi aprire un Blog gratis con WordPress utilizzando una delle seguenti piattaforme:

  • WordPress.com
  • Altervista.org

Esatto…. lo hai notato subito e ti poni la domanda. Cosa c’entra WordPress con Altervista?

Devi sapere che WordPress è un CMS (Content Management System), ovvero un sistema di gestione dei contenuti. Un software insomma. E questo software può essere installato in qualsiasi server Linux. Anche quelli di Altervista.org. Quindi, se si decide di aprire un blog su Altervista, si utilizzerà WordPress per costruirlo.

E per me, Altervista.org è meglio di WordPress.com.

Il Nome del Blog (il nome del dominio)

Qualunque piattaforma gratuita utilizziate per creare il vostro blog, sappiate che il nome di dominio sarà www.nomeblog.nomedominio.xx. Ti spiego meglio.

Con le piattaforme per creare un blog gratis non potrai avere un nome di dominio secco, come ad esempio www.flavioweb.net (flavioweb.net è il nome del dominio). Ci si dovrà accontentare di un dominio di terzo livello.

Se si sceglie altervista.org, la url del sito sarà: www.nomesitochehaideciso.altervista.org. Se si scegliesse WordPress.com per aprire un blog, il nome del sito sarebbe www.nomesitochehaideciso.wordpress.com.

Se non ti piace questa cosa, dovrai per forza acquistare lo spazio web su un hosting a pagamento. Solo così potrai avere un dominio di primo livello.

Poi vedremo come si fa.

Aprire un Blog gratis è un buon sistema per imparare a gestirlo

Il vantaggio principale di aprire un blog gratis con WordPress.com o con Altervista.org è che avrai tutto il tempo per imparare ad utilizzare la piattaforma senza aver speso un centesimo. Se dopo un po’ ti sarai stancato, o capirai che non hai tempo per gestirlo, puoi sempre chiuderlo e non ci avrai rimesso un solo euro.

Se invece vai alla grande, potrai trasferire il sito su un hosting a pagamento ed avere un bel nome di dominio tutto tuo.

WordPress.com Vs Altervista.org

wordpress-o-altervista

wordpress.com o altervista.org?

Sia WordPress.com che Altervista.org utilizzano WordPress come sistema di gestione dei contenuti. Come ti ho già accennato, meglio Altervista.org ed ora ti spiego perché:

  • Altervista.org permette di installare tutti i plugin che vuoi
  • Ti permette di monetizzare il traffico tramite banner adsense in maniera semplice
  • Ha un sistema di backup automatico dei database e del CMS
  • Permette di attivare la CDN con cloudflare
  • Tanti altri motivi

Se vuoi saperne di più, leggi questo mio tutorial su come creare un blog con Altervista.

Adesso però ti spiego in parole semplici i vantaggi che ho elencato prima….

Altervista.org permette di installare tutti i plugin che vuoi. I plugin sono dei software che vengono installati sul sito (su Worpdress in questo caso) e che permettono di aggiungere numerose funzioni. Esistono plugin per inserire i pulsanti social utili a condividere i tuoi articoli su facebook, twitter, instagram, eccetera, plugin per creare bellissime gallerie immagini, plugin per fare i backup dei siti e tanti (ma tanti tanti davvero) altri.

Ti permette di monetizzare il traffico tramite banner adsense in maniera semplice. I banner, come saprai, è pubblicità online. Si possono mettere sul proprio sito attraverso l’affiliazione con Google Adsense.

Ha un sistema di backup automatico dei database e del CMS. In pratica, se per qualsiasi tipo di errore il sito dovesse bloccarsi o non caricarsi affatto, è altervista stesso che provvede a correggere l’errore caricando la copia salvata nei suoi server.

Permette di attivare la CDN con cloudflare. La CDN è un sistema per rendere il caricamento dei siti più veloce. Con Altervista si può utilizzare questa tecnologia gratuitamente.

Se qualcuno, all’epoca in cui decisi di aprire il mio primo blog, mi avesse consigliato Altervista.org lo avrei ringraziato in 5 lingue.

E non solo per i motivi elencati sinora. Quando decisi che era arrivato il momento di aprire un blog tutto mio, con nome di dominio di primo livello (l’attuale flavioweb.net), avendo utilizzato in precedenza blogger, ho dovuto copiare a mano tutti i contenuti dal vecchio blog gratuito al nuovo e mi sono fatto due p…e così!

Oggi avrei utilizzato l’importatore di Worpdress (a proposito… ecco come trasferire un sito da blogger a WordPress) ma all’epoca dovetti fare tutto a mano.

Invece, per passare un blog da altervista ad un dominio di primo livello utilizzando Worpdress è facile (quasi) come bere un bicchier d’acqua.

Infine, se desideri aprire un blog gratis su Altervista.org, basta seguire i pochi step proposti dalla piattaforma ed in un minuto avrete il vostro sito web.

Aprire un Blog su Hosting a Pagamento

hosting-wordpress-a-pagamento-per-aprire-blog

Quale Hosting WordPress a Pagamento per aprire un blog?

Aprire il proprio blog su un hosting a pagamento è altrettanto semplice. Il funzionamento è lo stesso. Le uniche differenze sono che:

  • avrete un nome di dominio di primo livello
  • mamma altervista non c’è a riparare agli errori di sistema (ma grazie ad un plugin potremo avere un bel backup pronto all’uso)
  • dovrete investire qualche soldino ogni anno per mantenere il vostro spazio web attivo

Scelta dell’hosting per aprire un Blog con WordPress

Se tu fossi un blogger professionista, con un blog bene avviato con migliaia di visitatori al giorno ti consiglierei di acquistare un server dedicato. Ma siccome probabilmente non lo sei (altrimenti non staresti leggendo questa guida – consolati, siamo in due) va benissimo un hosting condiviso.

La differenza? Sull’hosting condiviso vengono ospitati più siti mentre sull’hosting dedicato ci sarebbe solo il tuo. Inoltre, l’hosting condiviso costa mooooolto meno dell’hosting dedicato.

Insomma, bando alle ciance. Stiamo per aprire il nostro blog, oppure stiamo per trasferirlo su un hosting per avere un nome di dominio di primo livello.

Quale hosting scegliere?

Di hosting ne trovate quanti ne volete. Ho perso il conto di quante siano le aziende che offrono spazio web a pagamento per ospitare blog e siti web.

La decisione dipende da un ragionamento semplice: hai abbastanza conoscenze per rimediare autonomamente in caso di problemi?

SI, No, Forse

Se hai risposto SI

Se sei uno smanettone e pensi di potertela cavare in caso di schermate bianche, hackeraggi o malware, ed è il tuo primo blog, scegli un hosting economico. L’hosting economico ti consentirà di imparare ad utilizzare al meglio Worpdress, spendendo una cifra ridicola all’anno. Quando sentirai la necessità di passare ad un hosting più performante, stai sicuro che te ne accorgerai da solo (vorrai maggior velocità, hai molti visitatori, ecc…).

In questo caso puoi scegliere

  • TopHost da €. 10,99 + iva l’anno

TopHost permette di installare WordPress dal pannello di controllo in un solo click. Fatta questa operazione, il blog è pronto per essere personalizzato e popolato dei tuoi contenuti. Il supporto tecnico funziona solo tramite il sistema dei ticket. Le risposte non sono immediate. A volte possono presentarsi problemi di caricamento dei dati di esempio dei temi premium.

Se hai risposto NO

Se non hai la minima idea di come si possa intervenire in caso di problemi al tuo sito, la cosa migliore da fare è affidarsi ad un hosting che fa del supporto tecnico il suo fiore all’occhiello.

Un nome su tutti

Siteground installa WordPress per te, è uno degli hosting più performante nel panorama della rete, ha un’assistenza veloce ed efficiente tramite telefono, ticket email e live chat. Semplicemente la scelta migliore per il tuo sito o blog.

Se hai risposto Forse

Se hai dato questa risposta, probabilmente avrai esperienze pregresse o aprire un blog con Worpdress è qualcosa che hai già fatto in passato. In questo caso non ti consiglio un hosting economico. Siteground resta la scelta migliore ma potresti optare anche per buonissimi hosting che a mio parere stanno un gradino sotto Siteground.

La scelta per me ricade su

  • Siteground da €. 47,00 + iva l’anno
  • Ergonet da €. 30,00 + iva l’anno

Creare il Blog con WordPress

A questo punto, hai scelto la tua piattaforma (WordPress), hai scelto tra aprire un blog gratis su Altervista o su un hosting a pagamento, non ti rimane che iniziare a personalizzarlo. Per prima cosa dovrai scegliere un tema.

Scelta del Tema WordPress

Per farlo, portati sulla bacheca di WP, clicca su “Aspetto” nel menu di sinistra e poi clicca su “Temi”. Ti appariranno i temi installati di default. Se vuoi cambiare il tema attuale puoi scegliere un tema gratis cliccando sul pulsante “Aggiungi Nuovo“. Ti comparirà l’elenco dei temi gratuiti disponibili su WordPress. Scegline uno che ti piace, caricalo e attivalo.

scelta tema blog wordpress

scelta tema blog wordpress

 

Se nessuno di questi ti soddisfa, puoi sempre acquistare un tema premium. Ce ne sono moltissimi, per tutti i tipi di attività e spesso contengono preinstallati dei dati d’esempio che renderà con pochi click il tuo blog bello e dall’aspetto professionale. L’unica cosa che dovrai fare a quel punto è sostituire i contenuti d’esempio con i tuoi.

Dove acquistare dei buoni temi WordPress

Il marketplace migliore per acquistare un tema WordPress è senza ombra di dubbio Themeforest. Su Themeforest troverai temi bellissimi e (quasi) pronti all’uso, con tanto di assistenza in caso di difficoltà, da parte dello sviluppatore del tema scelto. A dire il vero non tutti gli sviluppatori eccellono nella rapidità di risposta. Il consiglio è di guardare le recensioni dei temi per vedere se qualcuno si lamenta di problemi lasciati insoluti a causa delle mancate risposte dello sviluppatore. Se incappate in uno sviluppatore che non risponde, rinunciate all’acquisto del suo tema.

themeforest marketplace temi e plugin wordpress

themeforest marketplace temi e plugin wordpress

 

Creare la Pagine

Una volta scelto il tema, è venuto il momento di creare le pagine del blog, quelle che andranno a popolare il menu. Si fa andando sul menu della bacheca alla voce “Pagine” e poi facendo click sul pulsante aggiungi “nuova pagina“. Qui creerai la pagina autore (un blog che si rispetti deve dire qualcosa sull’autore) e la pagina contatti. Almeno queste.

Scegliere la Home Page del Blog

Siccome il blog è dinamico, la home page dovrebbe mostrare gli ultimi articoli pubblicati. Non è una regola ferrea ma di norma il blog è così. Per farlo andate su “Aspetto” —-> “Personalizza” e cliccare su “Impostazioni Home Page“.

Spuntate la casella “Gli Ultimi Articoli” sotto la voce “La tua Home Page Mostra…“.

Creazione Menu del Blog

Adesso andate di nuovo su “Aspetto“, ma stavolta scegliete di cliccare su “Menu“. Create un nuovo Menu e assegnategli le pagine create. La Home Page, con WP impostato in questa maniera,  di solito se la prende automaticamente. Assegnate una posizione al menu cliccando sulla TAB “Gestione Posizioni“. Di solito corrisponde a “Main Menu” o qualcosa che faccia intuire che si tratta del menu principale. Salvate …Fatto.

Plugin Indispensabili per un Blog

Ora che il sito è creato, il tema è stato scelto ed il menu è al suo posto è venuto il momento di installare dei plugin sul nostro WordPress, che a mio avviso sono indispensabili per un blog. Come si installano i plugin su WordPress? I plugin si installano cliccando sul menu della bacheca alla voce “Plugin” e poi cliccando sul pulsante “Aggiungi Nuovo“.

Ci troveremo davanti ad un elenco di plugin. Se vogliamo installare un plugin specifico, possiamo utilizzare la barra di ricerca per scriverne il nome e richiamarne la visualizzazione, in modo di poterlo installare. Una volta installato, il plugin va attivato e poi configurato. Non tratteremo la configurazione di plugin in questo articolo, ma in rete troverete materiale in abbondanza.

Dunque, ecco i plugin che a mio avviso non possono mancare su un blog. (Le risorse linkate puntano alle relative guide alla configurazione ed utilizzo).

  • Akismet (per filtrare i commenti dallo spam)
  • UpdraftPlus Backup & Restore (per eseguire un backup del sito e dei database ed eventualmente ripristinarlo in caso di problemi)
  • Italy Cookie Choices (un plugin per gestire la visualizzazione obbligatoria dell’informativa sull’utilizzo dei cookie)
  • Social Pug o equivalente (plugin per inserire i pulsanti di condivisione se il tema ne fosse sprovvisto)
  • Yoast SEO (plugin per l’ottimizzazione della SEO on site)

Questi, per cominciare, sono i plugin a mio avviso indispensabili. Man mano che andrete avanti con il vostro blog, nel momento in cui vi servirà una determinata funzionalità, potrete aggiungere il plugin adatto. Ce ne sono moltissimi nella repository di WordPress e tutti gratis, almeno nelle funzioni essenziali.

Abbiamo imparato a creare un Blog. È ora di scrivere

Cos’è un blog senza contenuti? Meno che niente. Il blog vive di contenuti e questi li potete inserire cliccando su “Articoli“, nel menu della bacheca di WP.

Poi cliccate sul pulsante “nuovo articolo“, inserite il vostro titolo e liberate le dita sulla tastiera.

Vi serve ispirazione? Provate a leggere questo articolo: Come e Cosa Scrivere su un Blog.  Fatemi sapere.

Buon Blogging a tutti!!!

LETTURE CONSIGLIATE PER IMPARARE AD AVERE UN BLOG DI SUCCESSO

 

Summary
Aprire un Blog. Come Fare
Article Name
Aprire un Blog. Come Fare
Description
Come fare ad aprire un Blog? Qual'è il sistema migliore e più facile per aprire un nuovo blog? Hosting Gratis o a Pagamento? Tutte queste domande trovano risposta solo analizzando la situazione. È un blog nuovo? Hai esperienza di Blogging? Sai utilizzare WordPress o qualche altro sistema per creare blog? Vediamo insieme quali sono le soluzioni più efficaci in base al tuo livello di preparazione.
Author
Publisher Name
flavioweb.net
Publisher Logo

AD

About the author

Flavio

Mi trovo nel campo del web dal 2006. Nel tempo mi sono specializzato soprattutto nell'indicizzazione,  nel posizionamento di siti internet e nell'utilizzo dei social media principali a fini di marketing.

Readers Comments (2)

  1. Non sapevo che su Altervista si potessero installare i plugin su WordPress… però come scelta mi chiedo… come dominio non è forse meglio WordPress.com? Voglio dire, ho idea, anche se è supportata da quasi nulla, che WordPress.com sia più autorevole e dia più autorevolezza ai siti che ospita. Sono perfino riusciti ad ottenere che nessuno metta la parola wordpress nei domini, cosa che trovo inaudita…

    • Ciao Francesco,
      La mia idea è che su altervista è possibile lavorare più in libertà. Google poi valuta tanti fattori, tra cui la qualità dei contenuti, i link ricevuti, l’usabilità, eccetera…. Penso che il trust del dominio ospitante sia pressoché ininfluente in questo confronto. Saluti

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


*