Cos’è Google Fred

google-fred

Gli aggiornamenti algoritmici di Google, per i SEO Specialist ed i webmaster sono da sempre un tema caldo. Siamo sempre in attesa della prossima modifica con la speranza che migliori il ranking del nostro sito o con la paura che lo danneggi. L’ultimo algoritmo conosciuto rilasciato da Google sembra essere stato quello di nome Fred, nome che gli ha dato Gary Illyes su Twitter, ma che non è mai stato confermato. Ora lo stesso Gary Illyes, durante un Google Q&A dell’ottobre 2017, torna sull’argomento e ci spiazza un pochino. Di seguito la traduzione del Q&A che tratta Fred insieme a Gary Illyes.

Precedenti ipotesi su Google Fred

Il 7 marzo 2017, molti webmaster hanno notato delle grandi variazioni sulla classifica di ricerca di Google. Il nome di Google Fred allora cominciò a circolare a seguito di una chat su Twitter tra Barry Schwartz e Gary Illyes di Google, dove Gary scherzava su questo e altri aggiornamenti futuri di nome Fred.

Come al solito, Google ufficialmente non ha confermato alcun dettaglio su questo particolare aggiornamento, ma l’analisi dei siti interessati ha evidenziato che qualcosa era accaduto e che era andato a toccare siti con contenuti di scarsa qualità che si concentravano più sulle tecniche di monetizzazione che sulla produzione di contenuti utili.

Poiché questo aggiornamento è stato più veloce nelle conseguenze, rispetto a quando vengono apportate delle piccole modifiche all’algoritmo principale del motore di ricerca, i SEO hanno sentito l’esigenza di chiedere se questo avesse un nome (così come lo avevano avuto penguin o panda). Gary Illyes rispose “Fred” e da li tutti lo hanno chiamato così, anche se non si sapeva esattamente in cosa consistesse. Ma l’algoritmo Fred non è mai stato ufficializzato da Google.

Il fine settembre è stato un periodo culmine per una serie di fluttuazioni della serp che in realtà sono state presenti in tutto il 2017. Quindi, si è pensato che Google stesse apportando delle correzioni a Fred.

Ma Google Fred esiste davvero? E cos’è?

Che cosa è Google Fred?

In una sessione di Q & A di settembre, l’argomento Google Fred è stato ripreso ancora una volta, e finalmente si è avuto il chiarimento finale da Gary Illyes stesso. Ecco quindi riportato fedelmente tradotto, cosa ha detto Gary Illyes su Google Fred.

Intervistatore: Parliamo di Fred.

Gary Illyes: Chi?

Intervistatore: Tu sei la persona che ha coniato il nome Fred. Così Fred è fondamentalmente un algoritmo che …

Gary Illyes: Non è un algoritmo, sono tutti i algoritmi.

Intervistatore: Dunque puoi confermare che non è un solo algoritmo – è una serie di cambiamenti e aggiornamenti diversi che tutti hanno classificato come appartenenti a “Fred”.

Gary Illyes: Giusto, quindi la storia che sta dietro a Fred è che in fondo è solo uno scherzo fatto su Twitter. Di solito tendo ad essere sarcastico nelle risposte. Lo sono stato anche quando Barry Schwartz, mi stava chiedendo di qualche aggiornamento che abbiamo fatto con l’algoritmo di ricerca.

E non so se lo sai, ma in media facciamo due o tre aggiornamenti all’algoritmo di ricerca ogni singolo giorno. Di solito la nostra risposta a Barry è certa, è molto probabile che ci sia stato un aggiornamento. Ma quel giorno mi sentivo ancor più sarcastico di quanto non sono, e ho dovuto dirglielo.

Oh, mi stava supplicando praticamente di dare un nome per l’algoritmo o l’aggiornamento, perché ama Panda o Penguin e tutto ciò che è nuovo. Maiale, gufo…. E gli ho appena detto che, da ora, ogni singolo aggiornamento che facciamo – a meno che non diciamo altrimenti – sarà chiamato Fred… Ognuno di loro.

Intervistatore: Adesso siamo in uno stato perpetuo di Freds?

Gary Illyes: Corretto. Fondamentalmente ogni singolo aggiornamento che facciamo è un Fred. Sono stato sarcastico perché non mi piace che le persone si concentrino solo su questo.

Ogni singolo aggiornamento che facciamo riguarda la qualità del sito o la qualità generale, la qualità percepita del sito, il contenuto dei link o qualsiasi altra cosa. Tutto ciò è nelle linee guida per i webmaster. Se esiste qualcosa che non sia in linea con le nostre linee guida per i webmaster quando modifichiamo un algoritmo, aggiorniamo anche le istruzioni per i webmaster.

O pubblichiamo qualcosa come un algoritmo tipo penguin o lavoriamo con giornalisti come te per pubblicare, gettarli qualcosa di simile a Panda.

Intervistatore: Quindi, per tutti questi due-tre aggiornamenti al giorno, quando i webmaster vedono la loro classifica andare su o giù, quanti di questi cambiamenti dipendono effettivamente da questi? I webmaster possono effettivamente motivare la cosa con questo, o è solo meglio andare sul generico e sulla la qualità del sito?

Gary Illyes: direi che la stragrande maggioranza, e sto parlando probabilmente del 95%, il 98% dei lanci di aggiornamenti, non sono impattanti per i webmaster. E questo perché possiamo cambiare, ad esempio, quali parole chiave della pagina che raccogliamo perché vediamo, diciamo, che le persone in una determinata regione appongano diversamente il contenuto e vogliamo adattarci a questo.

[…]

Fondamentalmente, se pubblichi contenuti di alta qualità che vengono anche citati su Internet – e non sto parlando solo di link, ma anche di reti sociali e di persone che parlano del tuo marchio, non si ha nulla da temere.

Le fluttuazioni accadranno sempre al tuo traffico. Non possiamo aiutare; sarebbe veramente strano se non ci fosse fluttuazione, perché ciò significherebbe che non cambieremmo, non miglioreremmo più i nostri risultati di ricerca.

Così ora lo sappiamo con certezza: ogni aggiornamento è un Fred a meno che non sia stato specificato diversamente. La classifica che scende a marzo potrebbe essere stata causata dall’aggiornamento “originale” di Fred, ma così anche tutte le oscillazioni, perché gli aggiornamenti quotidiani ora sono tutti Fred.

Gary afferma che 95-98% degli aggiornamenti non sono impattanti per i webmaster. Si tratta di due o tre aggiornamenti al giorno, che rappresentano ogni anno molti aggiornamenti! Quindi cosa facciamo?

La risposta è semplice – fai quello che stavi facendo prima. Crea buoni siti web, costruisci il tuo brand e crea contenuti di alta qualità per soddisfare le esigenze degli utenti che effettuano le ricerche,  nel rispetto delle linee guida per i webmaster.

Molti possono lamentarsi che Google cambia le carte in tavola, ma in realtà, i fondamentali restano uguali. Evitare il comportamento da manipolatore della serp, rimanere pertinenti, sviluppare l’autorità e pensare ai tuoi utenti sono quattro fattori semplici che devono rimanere la base di una buona strategia SEO.

Trovi l’articolo completo su https://searchenginewatch.com/2017/09/27/the-last-word-on-fred-from-googles-gary-illyes/

LIBRI SEO CONSIGLIATI

AD

About the author

Flavio

Mi trovo nel campo del web dal 2006. Nel tempo mi sono specializzato soprattutto nell'indicizzazione,  nel posizionamento di siti internet e nell'utilizzo dei social media principali a fini di marketing.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


*