Social Network: Occhio a Google+

E’ già da qualche tempo che al fianco dei social network più conosciuti comunemente (facebook e twitter) è apparso Google plus, il social di Big G (Big G sta per Google). Per la maggior parte della gente, abituata ad usare facebook, sembra poco comprensibile da usare. Il sistema delle cerchie e tutte le altre funzioni appaiono troppo complicate per chi ha poco tempo e poca voglia di capire come funziona.

Eppure mi sento di dire a chi ha un sito e vuole promuovere la propria attività sul web di NON trascurare Google plus, anzi…

GOOGLE PLUS PUO’ PORTARE IN ALTO LA TUA ATTIVITA’

Anche se Google non lo ammetterà mai, il suo Social Network influenza eccome i risultati sulla SERP (in parole povere influenza il posizionamento del tuo sito sui risultati di ricerca). Non lo dico per sentito dire ma questo è emerso dai risultati dei miei test su diversi siti.

In particolare ho notato che quando un sito è collegato all’account Google Plus, tramite quest’ultimo possiamo evidenziare la nostra attività sulle primissime pagine di Google. Tradotto in soldoni: se per quella determinata frase chiave non appaio con il mio sito, ci sono buone probabilità di apparire con la mia pagina google plus.

NON TRASCURARE GOOGLE PLUS SE VUOI STARE IN ALTO

Non dico che devi trascurare gli altri social per Google Plus ma ti consiglio di dedicarci la stessa attenzione.

Se parti da zero, crea il tuo profilo Google plus da qui. Una volta immessi i dati generali, cura il tuo profilo con delle belle immagini. Poi crea la tua pagina aziendale (nella colonnina di sinistra c’è la voce pagine), riempila di immagini, belle, nitide, accattivanti. Immetti tutte le informazioni possibili sulla tua attività: dove sei, cosa fai, ecc….

Dopodiché puoi iniziare a creare le tue cerchie che altro non sono che dei “contenitori” dove è possibile dividere i propri contatti per “argomento” (amici, lavoro, hobbyes, interessi, ecc…).

Anche con Google Plus puoi utilizzare gli hashtag (#) ovvero il simbolo del cancelletto prima di una parola di particolare rilevanza. A cosa servono gli Hashtag? Anteponendo un hashtag ad una parola (#seo ad esempio) metteremo il nostro post in una determinata categoria (#seo in questo caso) e quando un determinato utente cercherà su G+ l’argomento seo, il nostro post sarà nell’elenco dei risultati.

COLLEGARE GOOGLE PLUS AL PROPRIO SITO

Se abbiamo un blog, o un sito che sforni spesso nuovi contenuti, è fondamentale collegarlo alla nostra pagina Google Plus. Per farlo ci sono degli script da inserire sul proprio sito, o, in caso di utilizzo di wordpress, joomla o altri cms, ci sono dei plugin che automatizzano la pubblicazione dei contenuti dal sito a G+.

Questo ci consente di scrivere il contenuto una sola volta e di vederlo postato in tempo reale sui nostri social preferiti.

Per chi ha un’attività da promuovere, posso garantirvi, che seguendo questi semplici consigli vedrete aumentare senz’altro il peso della vostra presenza sul web.

Tu cosa ne pensi? Lascia un commento alla fine della pagina.

by

About the author

Flavio

Mi trovo nel campo del web dal 2006. Nel tempo mi sono specializzato soprattutto nell'indicizzazione,  nel posizionamento di siti internet e nell'utilizzo dei social media principali a fini di marketing.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


*