Fatti trovare su Google con le Long Tail Keywords

by

In un web sempre più affollato di competitors,  una nuova attività che voglia emergere tra i risultati dei motori di ricerca trova non poche difficoltà. Per quanto ci si sforzi di seguire le direttive SEO emanate dai vari Google, Bing, ecc… spesso ci si ritrova dietro ad altri siti. Alcuni di questi potrebbero essere più anziani ed avere un buon pagerank. Altri stanno li su per “grazia divina”…li vedi, li esamini, li rigiri come un calzino e scopri nulla hanno a che vedere con tutte le buone tecniche seo da adottare per stare in cima ai risultati della ricerca. Se a questo aggiungiamo che un nuovo sito (o un sito ristrutturato perché non era SEO Friendly) ha bisogno di un po’ di tempo per posizionarsi ed assestarsi, ecco che ci ritroviamo ad avere a che fare con il problema della mancanza di visibilità ( e di clienti).

Come fare allora per accelerare i tempi ed iniziare a farsi trovare su Google & Company?

Nel frattempo che si creino contenuti freschi e sempre aggiornati e che si cerchi di costruire la propria link building e la propria link popularity, possiamo adottare la strategia delle Long Tail Keywords ovvero, le Parole Chiave a Coda Lunga.

Scopriamo come…

 Meno ricerche più clienti

Sembrerà un titolo strambo ma la realtà dei fatti è proprio questa. Tantissime attività hanno avuto e stanno avendo ottimi risultati implementando nel proprio sito delle keywords composte da più parole, che hanno un volume di ricerca basso ma, sommate, un numero di ricerche totali maggiori rispetto ad una singola parola chiave più utilizzata ed inflazionata.

Le parole chiave a coda lunga infatti, altro non sono che delle frasi (infatti sono dette anche frasi chiave) contenenti la parola chiave principale. Certo, l’utilizzo deve essere soggetto a monte ad una attenta analisi dei volumi di ricerca per queste frasi. Bisogna in pratica andare a trovare tutte quelle frasi che hanno un volume di ricerca minore e che valga la pena di utilizzare, ma che la concorrenza non utilizza o non ottimizza sul proprio sito.

Grafico Long tail keywords

Se a questo aggiungiamo, come si evince dal grafico, che le long tail keywords, pur avendo un minor volume di ricerca hanno un più alto tasso di conversione (leggasi acquisti) ecco che si intuisce l‘enorme potenzialità di queste frasi chiave.

Ma come è possibile?

Semplice… l’utente che digita una long tail keywords è, statisticamente parlando, un utente realmente interessato e che ha realmente bisogno di quel prodotto o servizio e quindi c’è una forte possibilità che decida di acquistare da noi. Aggiungiamo infine, che dedicare una pagina ad una parola chiave a coda lunga arricchendola con contenuti interessanti, fa si che appariamo agli occhi del visitatore del nostro sito come il meglio che il mercato possa offrire per la sua particolare esigenza.

Facciamo un esempio

Immaginiamo che vi siano varie aziende che facciano assistenza per condizionatori d’aria. Tutte sul web cercano di sfruttare la parola chiave principale, quella che ha più volume di ricerca: “assistenza condizionatori”. Se andiamo a fare una ricerca su Google sicuramente troveremo tra i primi risultati siti con un buon pagerank, con anzianità più alta, ecc….

Ora il signor Gino, grande esperto in materia di riparazione dei condizionatori,  decide di farsi fare un bel sito per pubblicizzarsi. Siccome Gino si affida ad un buon professionista, quest’ultimo dopo aver effettuato un’analisi approfondita, scoprirà che le prime pagine sono piene zeppe di siti che emergono con la parola chiave più rilevante “assistenza condizionatori”.  A questo punto il bravo webmaster ottimizzerà senz’altro una pagina del sito per questa parola chiave ma creerà altre pagine sfruttando le Long Tail Keywords.

Ad esempio potrebbe sfruttare frasi chiave come Assistenza Condizionatori Mitsubishi Roma Salario (se andate a vedere ad oggi escono fuori pagine gialle, aziende virgilio, un paio di siti specializzati in elettrodomestici, e addirittura un’officina FIAT!!!).

Pensate come sia relativamente facile emergere con questa query di ricerca.

Potreste domandarvi: ma che ci fa il signor Gino con una parola chiave che  digiterebbero poche persone che hanno un condizionatore Mitsubishi e tutte solo nel quartiere salario? Giusta osservazione! Ma pensate se si replicasse il metodo con tutti i quartieri di Roma e con tutte le marche di condizionatori! Il risultato sarebbe un numero elevato di ricerche totali e un sacco di lavoro per il nostro bravo Signor Gino.

Dove Trovare le Long Tail Keyword

Esistono molti strumenti in rete per trovare le long tail keyword. Alcuni dei migliori sono a pagamento. Ma se volete utilizzarne uno gratuito il migliore in assoluto è senza dubbio il Google Keyword Planner. Ecco la mia guida a come usare lo strumento parole chiave di Google.

Long tail keywords per tutti

Questo metodo è applicabile in tutti i campi. prova a scoprire quali sono le parole chiave a coda lunga adatte alla tua attività ed inizia ad usarle. Vedrai la differenza…

Se l’articolo ti è stato utile condividilo!!!

About the author

Flavio

Mi trovo nel campo del web dal 2006. Nel tempo mi sono specializzato soprattutto nell'indicizzazione,  nel posizionamento di siti internet e nell'utilizzo dei social media principali a fini di marketing.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


*