Rinominare e Spostare la cartella wp-content di WordPress

spostare-e-rinominare-cartella-wp-content-wordpress

Continuiamo a parlare della sicurezza di WordPress mettendo in campo un’altra azione che ci permetterà di blindare ulteriormente il nostro sito: rinominare e spostare la cartella Wp-Content. Come sapete questa cartella contiene i temi, i plugin, i files della lingua e le immagini del nostro sito. Premetto che un bel backup di tutti i files del nostro sito fatto con un client FTP ci permetterebbe in ogni caso di ripristinare il tutto in pochi minuti ed è per questo che non ho mai parlato di questo argomento. Ma per chi è allergico ai backup, oppure li fa solo quando si ricorda per caso, questa potrebbe essere una soluzione importante da adottare.

Come si fa a rinominare e spostare la cartella Wp-Content

Per rinominare e spostare la cartella Wp-Content di WordPress abbiamo due strade:

  • utilizzare un plugin
  • farlo a mano

Propendo decisamente per la seconda strada in quanto è un’operazione a rischio zero, facilmente implementabile da chiunque smanetti un pochino con WordPress ed è altrettanto facile ripristinare il tutto se qualcosa dovesse andare storto. Facendolo con un plugin invece, ci limiteremmo a flaggare una voce senza capire cosa stiamo facendo e se qualcosa non andasse per il verso giusto sarebbe più complicato correre ai ripari.

Let’s Go allora? NO! Prima fai uno stramaledettissimo backup dei files del tuo sito.

Rinominare e spostare la cartella Wp-content manualmente

Quello che ci serve è un client FTP (Filezilla andrà benissimo), un editor di testo (Notepad++ è perfetto) e il plugin Broken Link Checker (che vedremo dopo perché).

Apriamo l’editor FTP e scarichiamoci sul desktop il file Wp-Config.php

Copiamo il file appena scaricato in una cartella di appoggio e lavoriamo su questo file copiato. Apri il file con Notepad++ e portati dove c’è scritto /* Finito, interrompere le modifiche! Buon blogging. */

Proprio prima di questo commento inserisci queste righe di codice:

/* percorso locale completo alla nuova directory del wp-content*/
define( ‘WP_CONTENT_DIR’, ABSPATH . ‘nuova-cartella/alias-wp-content‘ );
/* URI completo della nuova directory  */
define( ‘WP_CONTENT_URL’, ‘http://www.tuosito.it/nuova-cartella/alias-wp-content‘);

Sostituisci nuova-cartella con un nome a tua scelta e fai la stessa cosa con la cartella alias-wp-content.

Salva il file e caricalo via FTP sovrascrivendo il vecchio.

Fatto questo, sul tuo client FTP, portati nella root del sito (sullo stesso livello della cartella wp-content per intenderci) e crea la cartella “nuova-cartella” o come hai deciso di chiamarla.

Sempre da client FTP, entra dentro la “nuova-cartella” e crea una nuova cartella “alias-wp-content” o come hai deciso di chiamarla.

Ora copia il contenuto della Wp-Content all’interno della cartella “alias-wp-content” e poi svuota la vecchia Wp-Content (o eliminala).

Hai finito. portati sul sito e controlla che sia tutto a posto. Se non hai sbagliato nulla vedrai il sito visualizzato normalmente.

Ci sono però alcuni casi in cui, pur avendo eseguito la procedura nella maniera corretta, potresti avere dei problemi di visualizzazione sul sito. Vediamo i due casi che ho riscontrato io e vediamo come risolvere.

Caso 1: qualche immagine, o tutte le immagini, non compaiono

Niente paura. probabilmente le immagini non visualizzate puntano ai contenuti della vecchia cartella Wp-Content. Per risolvere hai davanti due modi:

  • Controllare i link delle immagini uno per uno sul File Media (seeeeeeeeeeee!!!!)
  • Installare il plugin Broken Link Checker dalla repository di WordPress

Decisamente andiamo sulla seconda opzione visto che la prima ci farebbe perdere un sacco di tempo e ci affaticherebbe gli occhietti belli 🙂

Broken Link Checker

Questo plugin si installa normalmente come tutti gli altri dal repository di WordPress. Ci permette di controllare tutti i collegamenti del nostro sito e se ne trova di interrotti, ce li segnala. Ci da inoltre anche la possibilità di vedere l’errore che causa il link rotto e di ripristinarlo.

Una volta installato ed attivato, andiamo su Impostazioni (di wordpress) e clicchiamo su “Link Checker”.

Il plugin si presenta con 5 tab. A noi per brevità, serve andare innanzi tutto su “cerca link in” e di selezionare le voci “articoli”e “pagine” per poi salvare le modifiche.

Lasciamo tutto il resto così com’è (magari un giorno ci torneremo sopra sulle funzioni di broken link checker) e selezioniamo il Tab Avanzate. Portiamoci a fondo pagina e clicchiamo sul pulsante “Ricontrolla tutte le pagine”.

Attendiamo che il plugin finisca. Al termine del controllo clicchiamo in alto a destra il linketto grigio piccolino “Vai ai Link Rotti”. Qui ci apparirà tutto l’elenco dei link rotti. Nel nostro caso ci troveremo davanti a situazioni in cui il link è “www.tuosito.it/wp-content/uploads/12/immagine.jpg”. Sostituire Wp-Content con “www.tuoosito.it/nuova-cartella/alias-wp-content/uploads/12/immagine.jpg” e abbiamo risolto.

broken-link-checker

Caso 2: Si vedono solo i testi e la grafica è scomparsa

Qui il problema è quasi sicuramente dovuto al redirezionamento del sito da www a non www. Se fate caso, l’istruzione che avete inserito sul wp-config è

define( ‘WP_CONTENT_URL’, ‘http://www.tuosito.it/nuova-cartella/alias-wp-content’);

probabilmente voi avrete stabilito in precedenza, tramite il file .htaccess, che la url canonica univoca del sito doveva essere quella senza www. Togliete il www come sotto, sull’istruzione, e avete risolto anche questo.

define( ‘WP_CONTENT_URL’, ‘http://tuosito.it/nuova-cartella/alias-wp-content’);

Qualcosa è andato storto durante tutta la procedura di rinomina e spostamento del wp-content di wordpress e non avete voglia di riprovarci?

Niente panico e segui questi passi.

  • Apri filezilla e ricrea la cartella Wp-Content.
  • Copia i contenuti dalla cartella “alias-wp-content” (o come l’hai chiamata) all’interno della cartella Wp-Content
  • Cancella sia la cartella “nuova-cartella” che la cartella “alias-wp-content”
  • Ripristina la copia del vecchio wp-config.php che ti avevo fatto mettere da parte all’inizio
  • Tira un sospiro di sollievo guardando il tuo sito correttamente ripristinato così com’era prima.

E se ancora non andasse, ti ricordi lo stramaledettissimo backup che ti ho detto di fare all’inizio? Bene, è ora di utilizzarlo!

Apri l’FTP e cancella totalmente la cartella Wp-content esistente e poi carica al suo posto la cartella Wp-content che ti avevo fatto “becappare” (soluzione a prova di bomba, garantisco) 🙂

Rinominare e spostare la cartella Wp-content con i Plugin

Tutta questa tarantella la si poteva fare semplicemente utilizzando un qualche plugin. Come sempre, nel campo della sicurezza di WordPress, è I-Themes Security quello più adatto e completo.

Una volta installato, portatevi sulla dashboard del plugin e cliccate su “Avanzate”.

cambio-directory-wp-content

Scendete e portatevi nella sezione “Modificare il Contenuto della Directory”. Cosa vi raccomanda il plugin prima di procedere al cambiamento? Tre cose che elenco fedelmente:

  1. Disattivare o disinstallare questo plugin non tornerà le modifiche apportate da questa funzione. (Questo vuol dire che se qualcosa va storto, non servirà a nulla disinstallare o disabilitare il plugin)
  2. Assicurarsi di creare un backup del database  prima di modificare il contenuto della directory (come si fa è ben spiegato qui).
  3. Cambiare il nome della Directory contenuto in un sito che ha già immagini e altri contenuti di riferimento a esso romperà i collegamenti del vostro sito . Per questo motivo, si consiglia vivamente di cambiare il contenuto della directory solo su una nuova installazione di WordPress. (ma abbiamo visto che con Broken Link Checker il problema si risolve).

Preso atto delle raccomandazioni fornite dagli sviluppatori del plugin, possiamo procedere a flaggare la voce “Abilita Name Change Directory” e a scrivere il nuovo percorso per la nostra cartella alias-wp-content nel campo “Nome Directory”. Salvate e il gioco è fatto.

Nel caso questa soluzione desse problemi, provate con le manovre sopra elencate durante la descrizione dello spostamento e rinomina della cartella Wp-Content di WordPress in maniera manuale per ripristinare il sito. Se tutto andasse storto per fortuna avete sempre il vostro backup a portata di mano: cancellare tutto da ftp e ripristinare il vecchio.

 

About the author

Flavio

Mi trovo nel campo del web dal 2006. Nel tempo mi sono specializzato soprattutto nell'indicizzazione,  nel posizionamento di siti internet e nell'utilizzo dei social media principali a fini di marketing.

Readers Comments (2)

  1. Ciao Flavioweb, grazie per questo articolo molto chiaro: dopo tante ricerche è esattamente quello che mi serviva!!!
    Prima di procedere allo spostamento, però, ho una domanda da farti che mi assilla: facendo questo spostamento non si perde la buona indicizzazione che il proprio sito potrebbe avere raggiunto nei motori di ricerca?
    Grazie in anticipo 🙂

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


*