Social Reputation e SEO. Accorgimenti e considerazioni per aumentare la visibilità

social-reputation-se-ilario-gobbi

Sono davvero felice di poter ospitare un articolo di Ilario Gobbi, SEO Specialist e Copywriter molto conosciuto e apprezzato nelle community SEO italiane. Ed oltre ad essere bravo e preparato, ha il pregio di essere anche una persona davvero squisita. Il suo articolo mette in luce una SEO moderna, fatta di interazioni sociali grazie alle quali è possibile intercettare le domande degli utenti da utilizzare per fornire dei contenuti rilevanti che rispondano a questi quesiti. Il tutto si tramuta in un aumento esponenziale delle visite al sito e all’affermazione della propria brand awareness in rete. Mettiti comodo e leggilo con calma, perché sono sicuro che al termine avrai acquisito delle conoscenze preziose che difficilmente troverai sul web.

Contenuti e promozione: due ambiti separati oppure due aspetti della stessa medaglia?

Costruire una community fidelizzata, suscitare una sensibile reattività alla condivisione dei contenuti per sostenere i propri obiettivi di promozione online, sono alcuni dei mezzi con cui perseguire una strategia web di medio lungo periodo volta a rafforzare e sostenere la propria brand awareness in rete.

Mentre banner pubblicitari e annunci sponsorizzati non forniscono reali segnali sulla qualità e l’attendibilità di un brand, le varie forme di riprova sociale – backlink in primis, ma anche menzioni, condivisioni sui social network e commenti sugli articoli – forniscono ai motori di ricerca elementi oggettivi alla base di eventuali valutazioni sul gradimento degli utenti.

Essendo manifestazioni spontanee di apprezzamento, inoltre, grazie ai meccanismi di condivisione “a catena” propri dei social media, i nostri contenuti possono raggiungere cerchie di contatti molto più ampie di quelle che possediamo direttamente, e tali propagazioni non sono soggette ai block tipici degli annunci pubblicitari che ne limitano i ritorni.

Se non hai un budget sufficiente ad assicurarti una presenza consistente nei media ads, allora devi puntare nel lungo periodo a generare una “rendita” di visibilità grazie a una fonte organica di visite costante e in progressiva crescita per diventare un punto di riferimento autorevole nella tua nicchia: incrementare la reputazione di marca, aumentare menzioni e condivisioni e accrescere in definitiva le vendite attraverso il passaparola online e l’autorevolezza, sono tutti obiettivi alla tua portata.

Social media e benefici SEO: ci sono, e non ci sono

Confuso?
“Certo, io parlo per enigmi. È quella cosa che poi ti farà esclamare “Ah, ecco cosa intendeva dire!” (cit. Kung Pow)

Una delle domande più frequenti da parte dei neofiti nelle community SEO è se le condivisioni sui social network comportino o meno un vantaggio in termini di posizionamento.

 

social-e-seo

social E seo

 

La risposta versione bonsai, confermata anche dalla voce di Matt Cutts, è che esse vengono trattate al pari di tutti gli altri link: in più di un’occasione, tuttavia, è stata rilevata una presenza di alti tassi di condivisioni social nei contenuti meglio posizionati, ma ciò non significa che vi sia una qualche effettiva correlazione tra le due qualità: potrebbe essere, ad esempio, che chi si trova nelle prime posizioni ottiene più condivisioni – anziché che il ranking derivi dagli share – senza contare che le condivisioni sui social media hanno l’attributo nofollow, il che spingerebbe a pensare che non ci siano effettivi benefici SEO.

In realtà benefici pratici dal punto di vista dei portali sono più di uno:

  • incrementano la visibilità dei post aumentando le visite al portale (e segnalando ai motori di ricerca che un determinato articolo attrae utenti)
  • accrescono la possibilità che essi vengano notati da altri professionisti del settore con cui si vuole entrare in contatto
  • rendono visibile il brand professionale associato al proprio ambito di riferimento
  • aumentano il tempo di permanenza nel portale e la possibilità che vengano visitati anche altri contenuti
  • aiutano a incrementare la propria notorietà in modo tale che quando si effettua una ricerca per uno specifico contenuto (es. un tutorial che solamente noi abbiamo realizzato) venga aggiunto anche il nome del brand, segnalando a Google che siamo rilevanti per quella determinata nicchia di ricerche (query navigazionali)

È molto probabile inoltre che nell’immediato futuro venga implementata negli algoritmi di valutazione qualche metodologia per conteggiare in maniera diretta le forme di partecipazione social – condivisioni, commenti, menzioni – che dimostrano il gradimento delle persone: il web sta diventando sempre più social, e ignorare semplicemente i segnali che dimostrano direttamente se un risultato di ricerca risponde alle aspettative porterebbe a un decadimento di qualità dei risultati delle serp, cosa che sicuramente Google non permetterà.

Il connubio tra la promozione sui social network e la generazione di contenuti ottimizzati lato SEO, comunque, può incidere sulla brand awareness della propria attività e sulle vendite dirette per mezzo dell’incremento di notorietà guadagnato.

Quali ritorni puoi ottenere attraverso le attività di promozione sui social network?

  • creazione di una rete di contatti nella propria nicchia
  • farsi notare da altri blogger attivi da più tempo nel proprio settore per incentivare interviste e scambi di guest post
  • ottenimento di menzioni sotto forma di citazioni e condivisioni
  • guadagnare backlink di qualità grazie all’incremento di visibilità ottenuto tramite la vetrina social

Come ottenere allora condivisioni e backlink attraverso la forza amplificatrice dei social?

Realizzare contenuti preziosi ed esaustivi, ottimizzati lato SEO è il primo passo per diventare punti di riferimento autorevoli nella propria nicchia di mercato.

A seconda del settore di riferimento puoi avere l’interesse a produrre diversi tipi di contenuti tra cui:

  • ebook
  • raccolte di tool o di risorse free (e risparmi ai tuoi utenti la fatica di cercarle da solo)
  • template per svolgere attività amministrative od operative (es. modelli di calendari editoriali, esempi di ricevute ecc.)
  • sondaggi per evidenziare trend di settore da segnalare alla tua nicchia
  • tutorial video per illustrare qualcosa inerente il proprio ambito
  • interviste combinate a più esperti del settore per offrire una completa panoramica

tutti incentivi in grado di incrementare menzioni e condivisioni oltre che ottenere backlink da altri blogger.

Web e social: tre strumenti per comprendere la propria nicchia

Le community social

Molte volte chi svolge le tue stesse attività manifesta necessità simili alle tue e richiede guide e tutorial per risolvere difficoltà pratiche. I gruppi su Facebook, in particolare, sono le piazze virtuali per eccellenza per incontrare altre persone alla ricerca di risorse e di informazioni.

Osservando le più frequenti richieste di chiarimenti puoi realizzare contenuti ad hoc (tutorial, guide, approfondimenti…) per la tua nicchia, perfetti per guadagnare le attenzioni dei tuoi follower poiché soddisfano pienamente i loro intenti di ricerca.

Quora

quora

quora

Una specie di “social network per le domande”, Quora è uno strumento bidirezionale per scoprire quali argomenti suscitano perplessità in specifiche nicchie di persone.

Grazie a Quora puoi stimolare la consapevolezza del tuo brand potenziando la tua presenza online rispetto agli argomenti inerenti il tuo business, fidelizzando gli utenti interessati a ricevere informazioni di qualità in grado di rispondere alle loro esigenze.

Un brand che si impegna a fornire su Quora risposte rilevanti ai potenziali follower può guadagnare in termini di visibilità, backlink, menzioni e di crescita degli utenti fidelizzati.

Answerthepublic

AnswerThePublic

AnswerThePublic

Answerthepublic è un tool per l’analisi della rete che permette di portare alla luce tutte le domande che esistono attorno a uno specifico argomento: esso è utile per individuare esigenze di ricerca non chiare a prima vista, sia sotto forma di long tail keyword che come manifestazioni di interesse. Queste vengono riportate sotto forma di un’invitante grafico circolare che rende la visione più appagante.

Grazie ad Answerthepublic si possono intercettare i naviganti mentre cercano informazioni nella fase precedente alla richiesta di contatti che si tramuterà in ordini e si possono costruire contenuti che, essendo concepiti per rispondere a domande e definizioni, sono maggiormente in grado di apparire nei featured snippet.

E tu, che cosa ne pensi delle strategie a sostegno della social media reputation? Trovi siano utili per promuovere il tuo brand oppure punti su altre strade?
Commenta questo articolo per raccontarci la tua opinione?

Summary
Social Reputation e SEO. Accorgimenti e considerazioni per aumentare la visibilità
Article Name
Social Reputation e SEO. Accorgimenti e considerazioni per aumentare la visibilità
Description
Come aumentare le visite al sito attraverso una strategia di affermazione della propria reputazione in rete, costruita attraverso la creazione e divulgazione di contenuti rispondenti alle esigenze specifiche di una determinata nicchia.
Author
Publisher Name
www.ilariogobbi.it
Publisher Logo

Readers Comments (2)

  1. Ciao Flavio, un bell’articolo… ti segnalo anche Followerwonk… è un tool per misurare la social authority su twitter (ed anche likealyzer… per fb)

    • Grazie amico mio. Il merito è tutto di Ilario che lo ha scritto così bene. Proveremo i 2 tools sia io che i miei lettori. Un grande abbraccio.

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


*