Google Hummingbird: il cambiamento epocale

Lo scorso settembre Google ha annunciato il rilascio del nuovo algoritmo per il suo motore di ricerca: hummingbird, o colibrì in italiano.

algoritmo google hummingbird

Sin qui tutto normale, ogni tanto Google lo fa.

In realtà con questo nuovo algoritmo siamo davanti alla posa della prima pietra di un cambiamento epocale. Infatti Hummingbird è il primo passo verso un nuovo modo di fare ricerca su Google, un modo più informale in cui l’utente fa una precisa domanda e Google da una precisa risposta.

DOMANDE, NON KEYWORD

Grazie agli sviluppi futuri di questo algoritmo potremo “domandare” a Google dove trovare un negozio di scarpe, usando il linguaggio della normale conversazione, e lui, basandosi sulla nostra posizione geografica ci risponderà con gli indirizzi dei negozi più vicini. Sembra ovvio ma non lo è affatto.

Per capire meglio questa affermazione voglio fare un esempio calzante e reale.

Il Signor Rossi, vuole portare la sua famiglia un fine settimana al Parco Giochi di Valmontone Rainbow Magicland e gli serve un posto dove dormire a Valmontone. Apre Google e sulla casella di ricerca scrive:  ” b&b vicino parco giochi magicland di valmontone” (lui vuole dormire proprio a Valmontone, in un bed and breakfast, il più vicino possibile al Parco Giochi).

Oggi succede che tra i risultati che gli appaiono vi siano Bed and breakfats a Valmontone, ma anche tanti altri B&B che distano decine di chilometri da Valmontone.

Ecco…con i futuri sviluppi di hummingbird questo non dovrebbe più succedere.  Per questo dico che Google restituirà risposte coerenti a precise domande.

Quando poi dico domande, intendo proprio” domandare a voce”, senza toccare la tastiera del pc, del tablet o dello smartphone. Potremo domandare a Google che tempo farà domani a Roma e lui ci risponderà con le previsioni per la città di Roma.

Fantastico vero???

Ma quanto e’ importante prepararsi a questo cambiamento per chi ha un sito?

Direi che è fondamentale farsi trovare pronti. Già ora Google cerca dei contenuti di qualità in un sito.  Cerca.risposte il più attinenti possibili alla” domanda” digitata sulla sua casella di ricerca.

Domani, dovendo dare delle risposte a delle precise domande, Google terrà in considerazione quei siti che effettivamente diano delle precise risposte a quelle precise domande. Non più keyword dunque, non più artifizi per far apparire un sito non coerente con la query digitata, ma testi di qualità scritti correttamente.

L’IMPORTANZA DELLA GEOLOCALIZZAZIONE

In fase di indicizzazione, sarà importantissimo dare un grosso peso alla geolocalizzazione della nostra attività, affinché, tornando all’esempio del B&B a Valmontone, Google premi i siti delle strutture ricettive che stanno a Valmontone e penalizzi quelli di strutture che si trovano più lontano.

by

About the author

Flavio

Mi trovo nel campo del web dal 2006. Nel tempo mi sono specializzato soprattutto nell'indicizzazione,  nel posizionamento di siti internet e nell'utilizzo dei social media principali a fini di marketing.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


*